farfalle monarca di florence welch

17.07.2018 - Poems

Hero_Landscape_Florence_Welch_1.jpg

Farfalle monarca

Ho paura delle cose scritte
Relegate sulla pagina in modo così permanente
C’è una impermanenza nella canzone
È fugace e del momento
Le parole crescono ali
Volanti e fuori dalle bocche dei cantanti e delle folle
Ma mai catturate completamente
Mai bloccate
Celebrate per le loro imperfezioni
Perché sono una creazione che svanisce
Vivono interamente nel momento
Una vibrazione, uno scambio di energia
E in questo modo le cose possono essere incomprese ...
Reinterpretate, tu non devi essere visto
Puoi essere così forte così riconoscibile eppure
Totalmente nascosto
Da uno stormo di note svolazzanti, già morenti,
Mascherano lo scrittore un po' ordinario se ansioso
Con la loro scintillante gloria ed il colore
 
Mio nonno ha detto che sono
Come la Monarca
Che si è persa
Volata dal Nord America
Nell’occhio di mia madre ...
Attratta dalle chiese, dagli affreschi
E dai vecchi libri sull’Europa
Il nuovo mondo troppo nuovo
Tornato alla pietra grigia e ai cieli
Antiche pergamene, polvere e morte
La vecchia morte, non questa nuova
Lì nella tua mano
Luminosa e
Implacabile

*

Monarch Butterflies

I am afraid of things being written down
Confined to the page so permanent
There is an impermanence to song
It is fleeting and of the moment
Words grow wings
Flying and out of the mouths of singers and crowds
But never caught fully
Never pinned down
Celebrated for their imperfections
Because they are a disappearing creation
They live entirely in the moment
A vibration, an exchange of energy
And that way things can be misheard…
Reinterpreted, you don’t have to be seen
You can be so loud so visible and yet
Totally hidden
By a flock of notes fluttering, already dying,
Disguising the somewhat ordinary if anxious writer
With their shimmering glory and colour

My grandfather said I am
Like the monarch butterfly
That got lost
I flew from North America
In the eye of my mother…
Drawn to the churches, frescos
And old books of Europe
The new world too new
Back to grey stone and skies
Ancient scrolls, death and dust
Old death, not this fresh death
There in your hand
Glowing and
Relentless

(Florence Welch, from Useless Magic)

*

Proposta di traduzione: Eva Laudace