stelle di sedicesima grandezza

guardare lontano nello spazio come correre indietro nel tempo. ci sono luci nel cosmo che si manifestano all’uomo solo dopo milioni di secoli.

*

stelle di sedicesima grandezza incontra la necessità della poeta e fotografa Eva Laudace di reinventare un percorso simbolico, costellato di figure e significati, nello spazio privato di un io alla continua ricerca di se stesso. intuizioni della doppia vista, quelle della pupilla e dell’anima, per un corpo poetico inedito in dialogo con un’opera fotografica di comete urbane.

stelle di sedicesima grandezza sarà presentato al pubblico nella cornice interpretativa di Zu.Art in Vicolo Malgrado 3/2 a Bologna il 19 luglio h18

da sempre il desiderio ed insieme il terrore del poeta è quello di ‘arrivare al verso estremo senza doverlo dire’ nel dubbio che le forme, e il loro definirsi tra luce ed ombra, possano sostituirsi del tutto alla parola nel suo instancabile lavorio iconico e figurale.